CALZATURIFICIO GRIMI E MASLA | PARABIAGO, MILAN

1925 | Calzaturificio Grimi e Masla
Illustrazione du Achille Luciani Mauzan

... nei primi giorni del 1920 nacque il: CALZATURIFICIO "SOLE" DI GRIMI E MASLA. Era una casa grandiosa, un grosso stabilimento di calzature in Parabiago. Il complesso era suddiviso nei vari reparti di tagliatori, orlatrici, tranciatori, spedizionieri, finissaggio, magazzini per il pellame e accessori, portineria, uffici, spogliatoi per uomini e donne, con relativi servizi. 
La grossa novità era però la manovia che occupava la parte centrale dello stanzone, per quasi tutta la sua lunghezza; senza dimenticare i nuovi macchinari dalla etichetta scritta in inglese. Ogni macchina era affidata a un singolo operaio per una specifica lavorazione; il nastro che correva sulla manovia portava avanti la scarpa fino al suo completamento, fino alle spazzole, al reparto finitura e spedizione.

Così scriveva il prof. Egidio Gianazza nella sua ricerca su "Uomini e Cose di Parabiago" a proposito del Calzaturificio SOLE di Grimi E Masla. Il calzaturificio produsse a Parabiago calzature da uomo, donna e bambino per quasi trent'anni, fino al 1940.



1925 | Calzaturificio Grimi e Masla
Illustrazione du Achille Luciani Mauzan

Gianazza aggiunge inoltre:
Nelle vicinanze dello stabilimento la Società "Nizzola" aveva costruito una cabina per potenziare la fornitura di energia elettrica. Il marchio della ditta era stampigliato in una sottile lamina dorata sui sottopiedi, sulle scatole, sulle etichette applicate agli scatoloni da spedire. A carattere cubitale e a tinte diverse fu pure dipinto sul muro esterno dello stabilimento, quello che guardava verso la ferrovia poco distante, ben leggibile dai finestrini dei treni in corsa sulla stràa ferràa. 
I Sigg. Grimi lavoravano insieme con funzione di direzione e controllo, il Masla si faceva vedere raramente in fabbrica; praticamente partecipava solo alle riunioni del Consiglio.
In fabbrica lavoravano numerose persone, non solo di Parabiago, ma anche dei vari paesi vicini."

Egidio Gianazza, "Uomini e cose di Parabiago" -  2010 - Città di Parabiago

Carlo Grimi esercitava i ruoli di Presidente della Società, nonché consigliere d’Amministrazione e Direttore Tecnico. Al suo fianco, come Amministratore Delegato, Direttore Amministrativo e altro consigliere d’Amministrazione c’era il rag. Felice Bosio.

Nel 1936 furono depositati i marchi commerciali “Sole” e “Colonia”, ma in quello stesso anno il capitale di 820.000 L versato all’atto della costituizione societaria si era ridotto a 320.000 Lire. Erano I segni di una crisi che avrebbe portato Grimi nel 1939 a staccarsi dalla Società, che avrebbe cessato l‘attività l’anno successivo.

Il manifesto pubblicitario di cui sopra venne commissionato nel 1925 al francese Achille Luciano Mauzan, uno dei più affermati illustratori dell’epoca. 



NOTE/FONTI

Secondo la ricostruzione di E. Gianazza, la ditta era nata nel 1916 come “C.Grimi” ed era diventata nel 1917 “Grimi Carlo e C.”

La nuova denominazione della ditta divenne “Grimi e Masla” nel 1920, trasformata nel 1921 in “Soc.An. Calzaturificio Grimi e Masla”

Annuario Industriale della Provincia di Milano, Milano, Tip. F.lli De Silvestri, 1933

Archivio Centrale dello Stato, Archivio Marchi

Gazzetta Ufficiale, 12 agosto 1936

 

TheHistorialist On Instagram

Archive