THE MASTER ARTISAN FROM VIGEVANO: CARLO CACCIOLA | THE SHOE MAKER WALTEA

L'ALTRO MAESTRO DI VIGEVANO: CARLO CACCIOLA | WALTEA

WALTEA
MADE IN VIGEVANO

CARLO CACCIOLA era convinto di produrre le scarpe migliori di Vigevano dal punto di vista tecnico. E probabilmente aveva ragione. La sua azienda - WALTEA - per dimensioni avrebbe potuto realizzare almeno un migliaio di calzature al giorno e invece, per scelta precisa, ne produceva poco più di un centinaio.

Cacciola aveva deciso di privilegiare una cura artigianale attentissima ai dettagli e, d’altra parte, la sua area produttiva non poteva allargarsi di più. La maggior parte dello spazio - nell’area vigevanese oggi occupata dalla Atom - era dedicata ad un magazzino enorme che ospitava migliaia di forme in legno, su cui erano costruite le calzature e su cui le calzature stesse dovevano restare almeno una settimana, per prendere esattamente la forma richiesta. 


Carlo Cacciola believed that his shoes were the best in Vigevano from a technical point of view. He was probably right. His company - WALTEA - could manage at least a thousand pairs a day but for the sake of quality he used to produce a little more than a hundred.  

On the other end the production could not expand more: in the Waltea area (Vigevano), most of the workspace was taken by a huge warehouse for thousands of wooden lasts, on which the shoes were built and had to stay at least for a week to take the required form. 




WALTEA | Footwear Museum Of Vigevano | 01
Photo By Irma Vivaldi

Il legno, così come pellami e tessuti di qualità, furono i materiali ai quali Cacciola rimase saldamente fedele fino alla fine della sua attività produttiva, all’inizio del nuovo millennio, quando la Waltea chiuse definitivamente i battenti, dopo oltre mezzo secolo di gloriosa carriera. 

Carlo Cacciola fu allievo del prof. Felice Minola ai corsi per maestro di officina all’istituto Roncalli di Vigevano e la storia calzaturiera dovrebbe ricordarsi maggiormente di lui. Quantomeno per essere stato tra i primi sperimentatori dei tacchi a spillo all’inizio degli anni ’50, quando realizzò i progetti proposti dal modellista bolognese Luciano Volta. I modelli di Cacciola furono esposti già nel gennaio 1953 alla 16esima Mostra Mercato Internazionale delle Calzature di Vigevano.


The Waltea factory closed down, after more than half a century of glorious career, at the beginning of the new Millennium. Until the very end, Cacciola was faithful to the classic materials: wood, superior leather and quality fabrics.

Carlo Cacciola studied at the Roncalli Institute of Vigevano with prof. Felice Minola on how to become a shop foreman. He should be remembered in the footwear history annuals (if such things exist) for being among the first developers of the stiletto heels in the early '50s, when he realized the proposed models by the Bologna designer Luciano Volta. Cacciola models went on exhibit as early as January 1953 at the 16th International Exhibition of Footwear of Vigevano



WALTEA | Footwear Museum Of Vigevano | 02
Photo By Irma Vivaldi

Il calzaturificio Waltea raggiunse negli anni ’60 il vertice del suo successo, soprattutto in ambito milanese, dove Cacciola collaborò con diversi stilisti del tempo, abbinando le calzature alle loro produzioni. Nel corso degli anni poi si mantenne fedele ad uno stile di un’eleganza non ordinaria e mai sopra le righe. Calzature affusolate, semplici o delicatamente ricamate.

Carlo Cacciola é morto a 86 anni nel dicembre 2008.

«E’ una grande perdita. Cacciola è stato il primo a Vigevano a creare la fabbrica ­modello col marmo e l’aria condizionata. Era un grande intenditore, un amante della scarpa. Qualche tempo dopo la chiusura è venuto da me, mi ha detto: “Fammi entrare nella tua fabbrica, perché devo sentire l’odore delle scarpe altrimenti sto male, mi manca troppo.”

Massimo Martinoli (CAIMAR)
Fonte: La Provincia Pavese


He peaked in the Sixties, especially in Milan, where he worked with several designers of the time. Over the years he remained faithful to a style of extraordinary elegance, never over the top: slender shoes, simple or delicately embroidered.

Carlo Cacciola passed away in December 2008, aged 86.

"It a great loss. Cacciola was the first in Vigevano to establish a modern factory with marble and air conditioning. He was a great connoisseur, a shoe lover. Some time after his closing, he came to me and said: "Let me in your factory, because I have to smell the shoes otherwise I'd be sick. I miss it too much."

Massimo Martinoli (CAIMAR)
Source: La Provincia Pavese daily



WALTEA | Footwear Museum Of Vigevano | 03
Photo By Irma Vivaldi

Se nelle calzature maschili il marchio preferito di Erminio Zaffaroni, il collezionista scomparso lo scorso marzo, era indubbiamente il Titano di Adriano Sciuccati, quando si passava alle calzature femminili non c’erano discussioni. Erano le forme sfilate del calzaturificio Waltea che guadagnavano ogni volta il commento tipico ed ammirato: “Che scarpe…!”.


Ringraziamo Armando Pollini, direttore artistico del Museo Della Calzatura di Vigevano, per l'impagabile collaborazione.

We would like to thanks Armando Pollini, artistic director of the Footwear Museum of Vigevano, for the priceless assistance.





WALTEA
THE ZAFFARONI COLLECTION
| Part 1 |
| Part 2 |


WALTEA
01 | AT THE FOOTWEAR MUSEUM OF VIGEVANO
02 | AT THE FOOTWEAR MUSEUM OF VIGEVANO


 

Archive

Follow by Email