THESE BOOTS ARE MADE FOR STOMPING | DOCS TRIBUTE | TBAMFW # 5 | BOUNCING SOLE EDITION

Tra i pochi marchi al mondo in grado di incarnare moda e anti moda, Dr. Martens nasce 51 anni fa con il modello 1460 (1-4-60 é la data) ancora oggi in produzione.

Dr. Martens is among the few brands that represents both fashion and anti-fashion. Birth date is 1 April 1960, hence the model 1460 which is still in production.

[Milo Bandini & Irina Palma]



Dr. Martens bag


L'ascesa del marchio é cominciata nel 1975 con la versione cinematografica di "Tommy", degli Who (1969, Track/Polydor). I Docs giganti erano indossati da Elton John, che interpretava The Champ, un ragazzo affetto da malattie psicosomatiche che lo rendevano vulnerabile nei confronti della società. Dapprima Elton John rifiutò il ruolo, in seguito accettò a condizione di poter tenere i suoi Docs.

The rise to the top started with the movie "Tommy", based on the Who's record of the same name (1969, Track/Polydor). Elton John, as The Champ, wore the giant stilt boots; at first Elton refused the role but later accepted it on the condition to keep the boots.



1975 | The Champ Boots |
Elton at the Museum

Oggi gli stivali-trampoli sono conservati al Northampton Museum & Art Gallery, ma sono di proprietà della R. Giggs - produttrice dei Docs - che li ha acquistati ad un asta proprio da Elton John.
Un altro elemento di notorietà dei Docs è la suola con il "cuscinetto d'aria" chiamata "Bouncing Sole", da cui:

Today the stilt boots are owned by R. Biggs (maker of the dr. Martens) but kept at the Northampton Museum & Art Gallery. They were bought at a sale from The Champ.
As much as the yellow stitching, another thing peculiar is the "Air Cushion Sole" also known as "bouncing sole".


The Bouncing Souls
1994 - The Good, The Bad And The Argyle (BYO)


I Bouncing Souls del New Jersey non hanno mai messo in copertina i Docs, ma si sono scelti un gran bel nome (sole/soul - suola/anima).

The Bouncing Souls from New Jersey never put Docs on the cover of their records but they choose a great name nonetheless.


Doc Marten
1989 - One Land To Care For  (Rock-O-Rama)

Sempre dal New Jersey, ma cinque anni prima, i Doc Marten avevano reso il tributo ancor più esplicito. "One Land To Care For" - primo e unico album - non ha particolari qualità per essere ricordato; inoltre il gruppo é classificabile come "nazionalista" pur senza essere dichiaratamente razzista e/o nazista.

Also from NJ are the DOCTOR MARTEN: "One Land To Care For" is their first and only album and it's nothing to write home about. Not to mention the band being known as "nationalistic" even though without known connections with nazis or fascist groups.


1969 | Symarip


Tra l'altro questo é il problema dei Docs perché spesso vengono identificati come le calzature dei nazi-skin, deriva becera e ignorante del fenomeno skin nato su basi diametralmente opposte. Tra i primi skin non mancavano i neri, anzi l'inno "Skinhead Moonstomp" (1969, Trojan) é dei Symarip, quelli che hanno ribattezzato "These Boots Are Made For Stomping" il celebre brano di Nancy Sinatra.

Yes, the nazi-skin: all of them PROUD Docs owners. They got so big in the mainstream culture that nobody know that skins were (are) a different branch altogether. The proof is the anthem "Skinhead Moonstomp" (1969, Trojan) by the Symarip, the band that retitled Nancy Sinatra's biggest hits.


Symarip - 1970 - Skinhead Moonstomp
(Trojan Repress on 12" | 1979)


Per chi volesse approfondire chi erano gli IDIOTI...

If you'd like to know who were the idiots...


Condemned 84
1991 - The Boots Go Marching In (Rock-O-Rama)


...e quelli che NON lo erano ...

...and who were the good (bad) guys...



The Oppressed
1984 - Oi! Oi! Music!  (Oppressed Records)






Prima che idoli di plastica tipo Jared Leto o Avril Lavigne ne diventassero i portabandiera, la diffusione di massa dei Docs é avvenuta grazie al punk e alla sua variante OI, punk che enfatizza le proprie origini proletarie.

Before plastic idols like Jared Leto and Avril Lavigne, the Docs got the boost from punk rock and OI.



VV.AA. - 1982 - Oi! Oi! That's Yer Lot 
(Secret Records)

"OI! OI! That's Yer Lot" é il quarto volume delle compilation punk/OI curate dall'ex giornalista di Sounds Garry Bushell, colui che ha praticamente inventato l'Oi come fenomeno di massa. Nota a margine: in questo album si segnala la presenza dei Black Flag, unica rappresentanza americana tra un mare di band britanniche.

"OI! OI! That's Yer Lot" it's the fourth installation of the compilation series created by Sounds journalist Gary Bushell, the one who spread the OI word/genre all over. All bands from the U.K. but one (Black Flag!)


The Strike - 2004 - The Oi! Collection 
(Captain OI)

La foto di "That's Yer Lot" é stata utilizzata anche per l'unico album (postumo) degli Strike, tra i migliori gruppi della primissima ondata punk/OI (parteciparono alla seconda compilation di Bushell, "Strenght Trough OI" - Decca 1981).

The very same iconic picture of "That's Yer Lot" grace the posthumous release by The Strike, great band of the first OI wave (they appeared on the second Bushell's comp "Strenght Trough OI" (Decca 1981).


VV.AA. - 1984 - Goot From The Boot 
(Splittle)

Storica e per certi versi bizzarra raccolta di gruppi italiani che alterna hardcore e post-punk. Meriterebbe la ristampa soprattutto per Juggernaut, Grey Shadow e Putrid Fever. 

Historical hardcore/post-punk Italian compilation. Worth of note are the Juggernaut, Grey Shadow and Putrid Fever. It deserves a re-release.


VV.AA. - 1999 - Give 'Em The Boot Vol. II
(Hell Cat Records)

Altra serie di compilation di punk stradaiolo curate da Tim Amstrong dei Rancid: la medesima copertina in cinque colori diversi per altrettanti volumi. La foto é di Jesse Fisher, fotografo/grafico che ha firmato tantissime copertine per Epitaph ed Hell Cat. 

Street-punk comp series by Rancid's Tim Armstrong. Photo by Jesse Fisher, graphic/photographer who does lot of Epitaph/Hell Cat graphics. It's the same picture in five different colors for volumes from 2 to 6.


The Business
1996 - Death II Dance CD EP ( Taang!)


Altro nome storico del punk/OI ancora oggi in circolazione nonostante avessero - 15 anni fa - l'età dei Docs oggi. Nondimeno "Death II Dance" é tutt'altro che disprezzabile e ha influenzato anche qualcuno.

Another punk/OI institution: they aged well judging by "Death II Dance". Also they inspired someone along the way.




Raise A Flag (Tokyo) - 2007 - I Never You Never 7"
(Defenders Of The Rising Sun)


Nel 2003 Dr. Martens ha chiuso alcune fabbriche del Regno Unito (persi 1000 posti di lavoro) per spostare la produzione in Cina, ma la qualità scadente e le conseguenti proteste hanno indotto un parziale ripensamento. L'edizione limitata del mod. 1460 é stata fatta a mano.

In 2003 Dr. Martens closed almost all the U.K. factories in order to move production to China. 1000 people lost their jobs. Quality complaints ensued and Dr. Martens brought back in the U.K. the "vintage line" (2007). The 50th anniversary mod. 1460 was hand-made.


VV.AA. - 2010 - DM50: The Album 


Per festeggiare i 50 anni, Dr. Martens non ha scelto nessuno dei gruppi che hanno contribuito a renderla celebre optando invece per l'attualità patinata dell'elettronica e dei gruppi finto-rock. Non meritano la citazione, ma si segnalano le peggior cover mai ascoltate di "Ever Falling In Love" dei Buzzocks (é praticamente impossibile da rovinare, eppure) e "If the Kids Are United" degli Sham 69 (cfr. Buzzcocks).

To celebrate the anniversary, Dr.Martens asked 10 artists/bands to record cover versions of classic tunes that represents the brand. No one was called from the zillion of bands who helped spread the Docs word and they opted for easy electronica and plastic rock. So, in return we got - among others - the worst cover versions ever of "Ever Falling In Love" (Buzzcoks) and "If the Kids Are United" (Sham 69).


VV.AA. - 2010 - DM50: The Album
back cover


Mettiamola così: il disco sembra ispirato dalle recenti collaborazioni della Dr. Martens con J.P. Gaultier ed Hello Kitty.
Si salvano i vecchi - in tutti i sensi - D.O.A. aiutati dall'ancor più vecchio Mike Davis (RIP), fantastico bassista degli MC5 alle prese con un brano dei superflui Cold War Kids.
Non é più possibile scaricare l'album dal sito Dr. Martens, ma é reperibile facilmente con una piccola ricerca in rete.

Nel 2010 i Docs hanno vinto due premi al Fashion Show di New York: uno per le calzature maschili più note in ambito modaiolo e l'altro per essere il simbolo della controcultura degli ultimi dieci anni (10?). 
Come sempre: moda e anti-moda.


Let me put it this way: the comp seems inspired by the recent collaborations with J.P. Gaultier and Hello Kitty (Hello Kitty ??). 
The only exception being the (really) old guard: a strange but fitting cooperation between MC5's Mike Davis (RIP) and Canuck punks D.O.A.
The album used to be available as a free download from the Dr. Martens website (not anymore) and nowadays can be found with a little net search.

In 2010 Dr. Martens won two awards at the Fashion Show in New York: 01 - most popular men's footwear in latest fashion; 02 - best counter-cultural footwear of the decade (decade?).
Once again: fashion and anti-fashion.




THESE BOOTS
ARE MADE
FOR WALKING
Shoes & Music


 

Archive

Follow by Email