IN MEMORIAM | GIOVANNI BATTISTA MOLASCHI | 1920 - 2012


1970 | Molaschi
Parabiago, Milan

A ricordo di Giovanni Battista Molaschi (29 dicembre 1920 - 1 settembre 2012), riprendiamo quanto lui stesso raccontò nel libro: "Noi. Testimonianze e documenti in un libro per S. Lorenzo di Parabiago" (AA.VV., 2002).



DA APPRENDISTA TAGLIATORE AD IMPRENDITORE CALZATURIERO

di Giovanni Battista Molaschi

Non ancora quattordicenne, aiutavo mio fratello Nando in latteria, mentre di sera prendevo lezioni di disegno e pittura a Legnano. Qualche tempo dopo, con l'amico Gildo Castelli, andai a scuola di modelleria per calzature a Parabiago ed incominciai, come apprendista, a fare il tagliatore in diverse fabbriche, mentre di sera frequentavo ancora una scuola di modelleria e pittura a Milano.

A 17 anni iniziai il mio primo impegno di modellista presso il Calzaturificio F.lli Lavazza di Cerro Maggiore. Dopo la terribile parentesi della guerra, nell'estate del 1946 tornai a San Lorenzo. Fondai con un socio, il signor Filippo Carugo, una piccola ditta artigiana di calzature con 15/20 dipendenti con il marchio Moka. La ditta ebbe subito successo, la produzione di calzature era all'avanguardia e la clientela di alto livello. Dopo qualche tempo cominciammo a lavorare anche per il “Calzaturificio di Varese”, il nostro più importante cliente.

Quel periodo mi regalò un altro momento importantissimo della mia vita, il matrimonio con Bianca dalla quale ho avuto poi Carmen, Loredana e Marco. Mio fratello Elia tornato dalla prigionia, dopo la guerra, entrò in società. Aumentammo ancora la produzione e di conseguenza i dipendenti, fino ad arrivare a 40/45. Dopo qualche anno, in buon accordo, ci dividemmo dal signor Carugo.

Nel 1959 ci trasferimmo nella nuova fabbrica e il “Calzaturificio di Varese” ci dette l'opportunità, in esclusiva, di marchiare le calzature con il timbro “Molaschi per Calzaturificio di Varese”. Nello stesso periodo, ebbi l'incarico di fornire calzature, con modelli esclusivi, ad alcune case d'Alta Moda tra le quali Mila Schön, Krizia, Ken Scott, Biki, Veneziani, Antonelli ed altri.

La nostra produzione fu esportata anche in Francia, Germania, Austria, Giappone e soprattutto in Svezia per un importante cliente che divenne poi anche un carissimo amico: Ohlssons. Le continue richieste di fornitura da parte del “Calzaturificio di Varese” ci invogliarono ad assumere altri dipendenti qualificati. Insistemmo nella produzione di calzature d'alta qualità e contribuimmo, con altre aziende di San Lorenzo, a dare un'immagine importante alla scarpa di Parabiago, sia in Italia sia all'estero.

Le nostre maestranze erano le migliori della zona, specialmente le orlatrici, abili operaie che permisero la realizzazione della “Ballerina”, scarpetta rovesciata di gran successo, prodotta in grande quantità anche da altri calzaturifici con il nome “Rock and Roll”. Ideammo poi la linea “Comfort”, caratterizzata da tomaia molto morbida con elastico per aderire al piede in modo perfetto.

Lavorammo con tanto entusiasmo fino al 1973 poi, per altri impegni, cedemmo la ditta ad un nostro dipendente. Ricordo con nostalgia gli anni 50-60, quando San Lorenzo e le sue numerose aziende, insieme alle realtà agricole ed industriali dell'alto milanese, contribuirono in modo significativo al boom economico dell' Italia che ebbe poi come riconoscimento “l'Oscar della lira”.

Che bei tempi!


MOLASCHI
Parabiago, Milan
I N D E X

 

Archive

Follow by Email