THE LOST DISTRICT | VALENZA, ALESSANDRIA, CASTELNUOVO SCRIVIA, SAN SALVATORE | PART 1

1965 | Valenza, Alessandria, Castelnuovo Scrivia, San Salvatore
Export destinations
Source: Catalogo Ufficiale della Mostra della Calzatura di Valenza

L’area produttiva delle città di Valenza, Alessandria, San Salvatore Monferrato, Castelnuovo Scrivia rappresentava un polo calzaturiero, nato alla fine dell’800,  fra i primi a specializzarsi nella produzione meccanica di calzature e pantofole. A Valenza negli anni ’70 le fabbriche occupavano oltre duemila lavoratori mentre negli anni ’90 il polo era il sesto in Italia per importanza (26 aziende solo ad Alessandria), contando circa un migliaio addetti e superando il milione di calzature prodotte all’anno. In aggiunta alla pantofoleria e alle calzature per bambini, la zona ha offerto per anni numerosi esempi di artigianato sia femminile che maschile anche di alto livello.


1905 | Valenza (A.K.A. Valenza Po)
Source: Pier Giorgio Maggiora, Il Novecento a Valenza

Inizialmente la produzione, specie a Valenza, era nata come distaccamento di altri distretti, in particolare Vigevano, e quindi si limitava alla realizzazione di componenti, prevalentemente tomaie. I tomaifici erano numerosi già all'inizio del '900 e negli anni '50 Valenza ne registrava un'ottantina. Alcune fonti attribuiscono a Giovanni Biglieri il ruolo di iniziatore nel 1890, con nove operaie cucitrici di tomaie impiegate per dieci ore al giorno. Lo seguirono nel 1896 i soci della Melgara & C. che furono i primi ad introdurre la meccanizzazione nella produzione valenzana di pantofole e scarpine per bambini.


Calzaturificio C. Melgara & C. | Valenza
Carlo Dabene Collection
From "L'Industria calzaturiera di Valenza"

L’azienda che per prima introdusse la meccanizzazione e quindi il ciclo produttivo calzaturiero completo fu la F.lli Ponzone, che aveva 30 operai nel 1911, seguita dalla Società Anonima Calzaturificio in Valenza: entrambe eccezioni in una realtà (anni '20) dove le aziende erano quasi tutte tomaifici.

Dalla Melgara & C. si diramarono altre importanti imprese. Uno dei soci era Giuseppe Gota, che più tardi rilevò una parte della società La Stella, destinata ad essere fra le principali aziende locali. Un altro fuoriuscito, l’ex direttore di produzione Francesco Bonafede, in società con Salvatore Ceva, fondò invece l’azienda La Valletta, che nel 1901 contava 150 operai nei due stabilimenti di Valenza e Bassignana.


1961 | Ponzone
Valenza

1962 | Ponzone
Valenza
Source: Calzature Italiane di Lusso magazine

THE LOST DISCTRICT
Valenza, Alessandria, Castelnuovo Scrivia, San Salvatore
Part 1 | Part 2 | Part 3 | Part 4





1961 | La Stella
Valenza


 

Archive

Follow by Email