2001 - 2011 | BUSTO ARSIZIO TRA SALERNO E REGGIO CALABRIA. IL TRISTE DESTINO DEL CALZATURIFICIO BORRI

GLI ULTIMI DIECI ANNI DEL CALZATURIFICIO BORRI
di Irma Vivaldi


BORRI | Busto Arsizio, Varese
SuperShoe!


Marzo 2001
In Consiglio Comunale (destra) si ipotizza di acquisire l'edificio e di adibirlo a struttura alberghiera.

Agosto 2001
Il Comune di Busto Arsizio acquista l'ex calzaturificio per la somma di 8 miliardi (€ 4 milioni)

Febbraio 2002
Il sindaco Gianfranco Tosi (destra) annuncia la creazione di nuovi uffici comunali - e di nuovi parcheggi - nei locali dell'ex calzaturificio.

Gennaio 2003
I documenti di acquisto dell'edificio finiscono in procura.

Marzo 2003
Il sindaco Luigi Rosa (Lega) annnucia che l'edificio verrà utilizzato dalla Polizia Stradale.

Dicembre 2007/Gennaio 2008
Il senatore leghista Speroni propone di vendere l'ex calzaturificio. L'ex sindaco Tosi rilancia con auditorium, 500 posti auto, strutture comunali e sede della Polizia Locale.

Aprile 2009
L'associazione Alto Milanese In Rete riepiloga la vicenda Borri rilanciando l'ipotesi di utilizzo come Corte D'Appello.

Maggio 2009
Il programma di Rai 1 "Sabato e Domenica" propone un servizio sugli sprechi di denaro pubblico a Busto Arsizio e dintorni. Non manca all'appello l'ex calzaturificio.

Giugno 2009
Un algerino, un marocchino e un tunisino (no, non é una barzelletta) vengono sorpresi a dormire all'interno dell'area e vengono espulsi secondo i dettami della Bossi-Fini.

Luglio 2009
Il quotidiano locale La Prealpina pubblica la notizia che l'edificio sarà la nuova sede dell'ex municipalizzata AGESP Servizi.

Gennaio 2010
Il quotidiano locale La Prealpina definisce il Borri "Grand Hotel dei Miserabili".

Febbraio 2010
Altri extracomunitari vengono sorpresi all'interno dell'area.

Marzo 2010
Interrogazione di Marco Reguzzoni (Lega) al Ministro dell'Interno per verificare la disponibilità di assegnare l'area al Commissariato di Busto Arsizio. Nessuna risposta.

Agosto 2010
La Lega si oppone alla decisione del sindaco Gigi Farioli (destra) di utilizzare l'ex calzaturificio come museo. L'iniziativa viene considerata non prioritaria.

Ottobre/Dicembre 2010
La giunta comunale (destra) continua a pensare ad un museo, l'AGESP a un centro termale, la Lega lo chiede ai propri elettori mediante un questionario e infine l'opposizione vorrebbe un centro culturale e di aggregazione.

Gennaio 2011
RIEPILOGO: 10 anni - 3 sindaci - 100 ipotesi.

Maggio 2011
Elezioni Amministrative. In arrivo nuove brillanti soluzioni mentre il Grand Hotel dei Miserabili é aperto 24 ore al giorno.


CALZATURIFICIO BORRI
I N D E X


AGGIORNAMENTO 2016
Non abbiamo smesso di seguire le vicende dell'ex calzaturificio, ma é persino doloroso elencare le nuove iniziative comunali e quindi ci asteniamo.



 

Archive

Follow by Email